Santa Fiora

Situato nel versante meridionale del monte Amiata e circondato da castagni, il centro storico di Santa Fiora si sviluppa su un colle di trachite ed è diviso in terzieri, da scoprire passeggiando tra vie e vicoli caratteristici.

La visita inizia dal terziere Castello, la parte più antica del paese con i resti degli edifici e delle fortificazioni aldobrandesche, per proseguire poi attraverso la Porticciola nel terziere Borgo, dove tra il convento delle Clarisse e quello agostiniano fu collocato il ghetto degli Ebrei, e concludersi, dopo aver passato porta San Michele, nel terziere di Montecatino caratterizzato dalla Peschiera.

Da non perdere, la Peschiera (XVI sec.) suggestivo parco-giardino sforzesco e la vicina chiesa della Madonna delle Nevi che sorge sopra le sorgenti del fiume Fiora, visibili sotto il pavimento in vetro, e che conserva affreschi di Francesco Nasini. Palazzo Sforza Cesarini, costruito in ampliamento dell’originaria Rocca aldobrandesca, che contiene mirabili affreschi. La pieve delle Sante Flora e Lucilla che ospita importanti opere d’arte, in particolare la maggiore collezione al mondo di terracotte robbiane. Il Museo delle miniere di mercurio del monte Amiata, che testimonia la storia delle miniere e il lavoro dei minatori con un allestimento che ripropone la discesa in miniera. Le numerose escursioni nei dintorni, come ad esempio il percorso delle fonti di Selva, che passa anche vicino al convento della Santissima Trinità.

Definito il “paese dell’acqua”, le sue sorgenti hanno colpito e affascinato tutti i personaggi che hanno vissuto o visitato Santa Fiora.

Tra i prodotti tipici della zona, spiccano la castagna marrone dell’Amiata IGP, l’olio d’olivastra seggianese DOP e una vasta varietà di funghi.

Il variegato e ricco calendario di manifestazioni comprende, tra gli altri appuntamenti, il festival internazionale estivo Santa Fiora in musica, con concerti di musica classica e jazz di alto livello nei luoghi più suggestivi, il Palio delle Sante Flora e Lucilla l’ultima domenica di luglio e le sagre del fungo e del marrone santafiorese in autunno, dedicate a due dei prodotti distintivi della località.

Il 15 e 16 ottobre nella frazione di Bagnolo si terrà la Sagra del Fungo Amiatino con concorsi, passeggiate alla ricerca di funghi e degustazione del Fungo Porcino dell’Amiata nella premiata cucina della Sagra

14812939_10209146092602554_1848326375_oQuindi il 4, 5 e 6 novembre a Santa Fiora avrà luogo la Sagra del Marrone dedicata alla castagna più pregiata del Monte Amiata con degustazioni di prodotti tipici a base di castagne, visite guidate nei boschi di Santa Fiora e nei luoghi tradizionali della lavorazione dei marroni, i seccatoi

 

Per saperne di più

http://www.comune.santafiora.gr.it/